Sirbone, la grande marca!

martedì 9 febbraio 2016

Obtorto collo


Il Cairo, ricercatore italiano trovato morto con segni di tortura. Ma si attende il parere del Sap.

La salma di Giulio Regeni ha entrambe le orecchie mozzate e numerosi tagli sul viso. Si segue la pista della rasatura al risveglio.

Il cadavere è stato sottoposto ad una tac e a delle radiografie. Casomai fosse caduto dalle scale.

Renzi chiede l'immediato rimpatrio della salma: "Meglio che resti al Quirinale".

Omicidio Regeni, l'Italia invia un team di polizia, Ros e Interpol. Don Matteo era impegnato sul set.

Secondo gli investigatori italiani Regeni è stato torturato. La speranza è che in Egitto sia considerato reato.

"Giulio Regeni è stato torturato" hanno dichiarato i detective italiani dal pulpito.

La polizia italiana non ha dubbi sui segni di tortura. Quando si dice l'occhio allenato.

Regeni sarebbe stato torturato con tecniche cilene. Quindi verrà catalogato come incidente aereo.

Col passare delle ore la vicenda relativa alla tragica morte di Giulio Regeni si arricchisce di particolari sempre più inquietanti. Salvini e Giovanardi non hanno ancora rilasciato dichiarazioni.

Alfano: "Il respiro non è ancora pienamente tornato". Ma l'avrà capito che è morto?

"È stato un pugno allo stomaco" ha dichiarato Alfano osservando una vecchia foto con i capelli.

Alfano: "Quella morte fa onore all'Italia intera". Ma ancora non basta a bilanciare il G8.

L'Italia non accetterà manipolazioni della verità da parte delle autorità egiziane. Ci riesce benissimo da sola.

Casini: "Non accetteremo manipolazioni della realtà". Poi si è recato a un convegno sul successo organizzativo del G8 di Genova.

(Il governo italiano è talmente indispettito che ha mandato due marò al porto di Alessandria).

La madre del ricercatore: "Ho il cuore spezzato". Beata lei che ha solo quello.

Regeni denunciava un Paese senza libertà di stampa, vittima di una maggioranza schiacciante che ha annientato l'attività sindacale e ha vessato la classe operaia. Poi è partito per l'Egitto.

Il ricercatore italiano era considerato scomodo. Altrimenti la riforma Gelmini mica l'avrebbero fatta.

Giulio Regeni sarebbe stato ucciso per le sue idee. Però per gentilezza lasciate vivere gli altri.

I genitori: "Giulio credeva in un mondo libero". È per questo che se n'è andato.



Nessun commento:

Posta un commento